Dolori alla schiena

I dolori alla schiena sono riconducibili a molte cause e caratteristiche sintomatiche differenti.

Sommario

I dolori alla schiena sono riconducibili a molte cause e caratteristiche sintomatiche differenti. Spesso sono dovuti a usura, carico sbilanciato o sovraccarico. Le malattie che possono scatenare il mal di schiena sono diverse. Nel caso vi fossero dei segnali di una paralisi o dei disturbi della sensibilità occorre consultare un medico. In forma preventiva, rafforzare il busto e praticare una regolare attività fisica.

Sintomi

Caratteristiche sintomatiche con possibili quadri clinici:

  • Legati alla motricità
    • Tensioni muscolari
    • Processi infiammatori o degenerativi (dovuti all’usura) delle articolazioni vertebrali o delle vertebre
  • Dolore invalidante, impossibilità di muoversi («colpo della strega» o lombaggine)
    • Dolore improvviso e lancinante nella zona della colonna vertebrale inferiore
    • I soggetti colpiti si bloccano all’istante e, impossibilitati a muoversi, sono costretti ad assumere una posizione antalgica
  • Irradiazione (glutei, gamba, piede)
    • Compressione di un nervo (sciatalgia, lombosciatalgia)
    • L’ernia del disco provoca irritazione se non addirittura una compressione delle radici nervose
    • Nervo sciatico: dolore che dalla schiena si irradia alla gamba fino ad arrivare al piede; talvolta paralisi muscolare (debolezza del muscolo tibiale anteriore)
    • Spesso intensificazione dei dolori nel tossire, starnutire o nella compressione
  • Mensilmente con il ciclo mestruale: patologia ginecologica
  • Dolore notturno persistente

Cause e trattamento

Cause

  • Alterazioni degenerative (usura)
    • Visto l’aumento dell'aspettativa di vita risultano determinanti
    • Possono riguardare i corpi vertebrali, le articolazioni vertebrali, le articolazioni dell’osso sacro o i dischi intervertebrali
    • Ernia del disco
    • Artrosi della colonna, spondilosi
      • Perdita di elasticità e assottigliamento dei dischi intervertebrali per usura da età
      • Articolazioni vertebrali usurate
      • Mobilità spesso limitata perché dolorosa
      • La colonna vertebrale si accorcia, la persona diventa man mano più bassa
      • I lati dei corpi vertebrali si presentano dentellati e spinti in fuori
    • Stenosi spinale, stenosi del canale vertebrale (più rara)
      • Restringimento del canale vertebrale nella parte inferiore della colonna vertebrale
      • Il midollo spinale intero viene compresso (restringimento)
  • Deformità muscolari o deformità dovute a paralisi
  • Osteoporosi
  • Allentamento della struttura vertebrale: un corpo vertebrale superiore «scivola» sul quello posizionato sotto
  • Carico sbilanciato della colonna vertebrale, anche in età giovane
    • Da un punto di vista anatomico
      • Lunghezza delle gambe differente, anomalie del piede, deformità vertebrali congenite
      • Deformazione dovuta a fratture, scoliosi, schiena piatta, schiena incurvata
    • Da un punto di vista funzionale
      • Postazioni di lavoro non adeguatamente allestite
      • Deformità e carico sbilanciato
      • Spalle, nuca e muscolatura della schiena contratte
  • Processi infiammatori che colpiscono le articolazioni vertebrali e i dischi intervertebrali
  • Patologie degli organi interni
  • Tumori delle ossa vertebrali (anche metastasi ossee) o del midollo spinale
  • Malattie infiammatorie a carico delle vertebre (spondilite)
    • Infezioni batteriche, oggi tra le cause più rare

Procedura ulteriore nello studio medico / in ospedale

Possibili controlli
  • Visita medica
  • Analisi del sangue
  • Raggi X
  • RMT (risonanza magnetica tomografica)
Possibili terapie
  • Tentativi di terapie conservative
    • Applicazione locale di calore o (spesso più efficace) di freddo
    • Farmaci (ad es. inibitori del dolore e delle infiammazioni)
    • Fisioterapia, chiropratica
    • Elettroterapia, agopuntura e altri processi fisici (testare sul singolo caso)
    • Non è consigliato il riposo a letto, meglio muoversi
  • Intervento chirurgico (se altre misure si sono dimostrate inefficaci)

Cosa posso fare da solo?

  • Spesso occorre testare e combinare i diversi trattamenti
  • Per combattere le contrazioni muscolari
    • Ginnastica, eventuale temporanea messa a riposo
    • Sauna, nuoto, massaggi
    • Camminare in maniera spedita (almeno 30 min. al giorno)
  • Tecniche per sollevare i pesi in modo adeguato
    • Distribuzione equilibrata del peso
    • Tenere la schiena dritta
    • Muovere tutto il corpo e le gambe
    • Non incurvare la colonna vertebrale, non fare delle rotazioni
  • Rafforzamento della muscolatura del tronco: schiena, torace e muscoli addominali
  • Alleggerire e scaricare la colonna vertebrale
    • Mettersi supini
    • Alzare le gambe (anche e ginocchia formano un angolo di 90 gradi) e appoggiarle su uno scatolone o una sedia
  • Evitare il sovrappeso
  • Ergonomia sul posto di lavoro
    • Posizione da seduti (gomiti e ginocchia formano un angolo di 90° gradi)
    • Utilizzare uno scriviritto
    • Posizione dello schermo
    • Intervallare il lavoro alzandosi e muovendosi
  • Massaggiare la parte dolorante con olio di iperico

Quando andare dal medico?

  • Prima insorgenza di un forte mal di schiena
  • Dolori alla schiena accompagnati da febbre
  • Alterazioni della sintomatologia
  • Emergenza: segni di un danneggiamento nervoso
    • Disturbi della sensibilità nelle gambe
    • Debolezza muscolare (ad es. trascinare la gamba)
    • Problemi nella minzione o nell'evacuazione
    • Fenomeni di paralisi del pavimento pelvico associati a dolori alla schiena

Ulteriori informazioni

In collaborazione con le farmacie TopPharm, la CSS Assicurazione le offre una consulenza mirata che permette di determinare meglio la natura dei suoi sintomi. L’intento è di contribuire a migliorare la sua qualità di vita.

Sinonimi

Dolori alla schiena, lombaggine, Dolori lombari, dolore al dorso, notalgia, colpo della strega, lombalgia, mal di schiena

Panoramica dei premi 2022

Calcolare il premio

Esclusione della responsabilità

La CSS non assume alcuna re­spons­abilità per quanto concerne l'esattezza e la completezza delle indicazioni. I dati pubblicati non sostituiscono in alcun modo il consiglio competente di medico e farmacista.

CSS Assicurazione – il suo partner per la salute

Essere in buona salute, guarire, convivere con la malattia: la CSS Assicurazione la accompagna come partner per la salute lungo il suo percorso personale.

Ben assistiti