COVID-19 (Coronavirus)

SARS-CoV-2 è la denominazione del nuovo tipo di Coronavirus che genera la malattia COVID-19.

Panoramica

SARS-CoV-2 (severe acute respiratory syndrome coronavirus type 2) è la denominazione del nuovo tipo di coronavirus che genera la malattia COVID-19. Come altri virus, anche il coronavirus ha delle mutazioni, nascono nuove varianti, perciò cambiano anche i sintomi e il decorso della malattia. Spesso, tuttavia, nell’ambito di un’infezione si hanno sintomi come febbre, tosse secca e una generale sensazione di malessere. Perlopiù vi è un decorso della malattia con sintomi lievi nell’arco di alcuni giorni. In particolare per i gruppi a rischio (soprattutto persone anziane e/o malate croniche) possono presentarsi decorsi gravi, con conseguenze talora mortali, con fra l’altro grave dispnea e polmonite.

Sintomi

Sintomi generali

La malattia causata dal virus è denominata COVID-19 (coronavirus disease 2019). I sintomi possono essere molto diversi, i più comuni sono:

  • Malattia acuta delle vie respiratorie (mal di gola, tosse (perlopiù secca), respiro affannoso, dispnea, dolori al petto)
  • Febbre
  • Improvvisa perdita del gusto e/o dell'olfatto
  • Mal di testa
  • Debolezza generale, malessere
  • Dolori muscolari
  • Raffreddore
  • Sintomi di infezione gastrointestinale (nausea, vomito, diarrea, mal di pancia)
  • Eruzioni cutanee
Possibili decorsi della malattia

Ci sono persone infette che non presentano alcun sintomo oppure pochi, altre hanno un decorso grave della malattia e hanno bisogno di un trattamento intensivo in ospedale.

Persone particolarmente a rischio
  • Persone anziane (con rischio sempre crescente di un decorso grave a partire dai 50–60 anni)
  • Sesso maschile
  • Donne in gravidanza
  • Persone con sindrome di Down (trisomia 21)
Persone con determinate malattie preesistenti
  • del sistema cardiocircolatorio (p. es. cardiopatia coronarica e ipertensione arteriosa)
  • malattie polmonari croniche (p. es. COPD)
  • malattie croniche del fegato e dei reni (soprattutto in caso di necessità di dialisi)
  • malattie neurologiche e psichiatriche (p. es. demenza)
  • pazienti con diabete mellito
  • pazienti con una malattia tumorale
  • pazienti con un sistema immunitario indebolito (p. es. a causa di una malattia che si accompagna a deficienza immunitaria o tramite l’assunzione regolare di medicamenti che influenzano le difese immunitarie)
  • fumatori
  • sovrappeso e obesità
  • persone sottonutrite

Causa e trattamento

Causa

  • Infezione con il sottotipo di coronavirus "SARS-CoV-2"
    • comprovata per la prima volta a Wuhan/Cina nel dicembre 2019
    • Il virus proviene dagli animali ed è stato trasmesso agli esseri umani

In generale

  • Possono essere contagiate persone di ogni età
  • Classificata dall’OMS come pandemia
Trasmissione
  • Mediante infezione a goccioline (secrezioni del trattato respiratorio, starnuti, tosse)
    • I virus contaminano le mucose di naso, bocca e occhi
    • Di norma è necessario essere nelle immediate vicinanze (< 1,5 metri) di una persona infetta
  • Da aerosol (trasmissione da aerosol su brevi e lunghe distanze, soprattutto in ambienti interni di piccole dimensioni e scarsamente ventilati)
  • Tramite mani e superfici (maniglie delle porte, pulsanti, ecc.)
    • Le mani come mezzo di trasmissione: contatto con agenti patogeni e p. es. toccarsi poi il viso
Tempo di incubazione
  • Periodo dal contagio ai primi sintomi
  • da 5 giorni a massimo 14 giorni
  • È possibile trasmettere il virus ad altre persone già 2 giorni prima dell’insorgenza dei sintomi

Procedura ulteriore nello studio medico / in ospedale

Possibili controlli
  • Visita medica
  • Test di laboratorio (p. es. cosiddetto procedimento PCR)
    • Striscio con un “tampone” adatto
    • Secrezione del naso, della gola o del tratto respiratorio inferiore
  • Controllo della saturazione d’ossigeno
  • Esami del sangue (p. es. analisi dei gas disciolti nel sangue)
Possibili terapie
  • Trattamento ambulatoriale
    • Decorsi lievi senza fattori di rischio
  • Trattamento stazionario
    • Solo in caso di peggioramento dello stato di salute
    • Sorveglianza dei valori vitali (saturazione dell’ossigeno, pressione arteriosa, battito cardiaco, ecc.)
    • Somministrazione di ossigeno
    • Eventualmente si può tentare p. es. con medicamenti antivirali già esistenti
    • Eventualmente trattamento nel reparto di cure intensive, se necessario fra l’altro con respirazione artificiale

Cosa posso fare personalmente?

Rispettare le misure generali di protezione dall’infezione
  • Farsi vaccinare
  • Portare la mascherina
  • Arieggiare più volte al giorno
  • Tossire e starnutire in un fazzoletto o nella piega del gomito
  • Lavare accuratamente le mani o disinfettarle
  • Chiedere aiuto contro le conseguenze a lungo termine, solitudine e preoccupazioni

Attenersi alle istruzioni della Confederazione durante la pandemia di coronavirus.

Quando andare dal medico?

  • Contatto telefonico con il medico di famiglia o con un ospedale in caso di febbre, tosse, disturbi respiratori o sintomi influenzali
  • Fondamentalmente NON ci si deve rivolgere al pronto soccorso non appena si ha un raffreddore (evitare il sovraffollamento del pronto soccorso)

Long-Covid o malattia post-Covid-19

Alcune persone percepiscono le conseguenze della malattia settimane o mesi dopo aver contratto l’infezione da coronavirus.

Ulteriori informazioni

Informazioni e istruzioni della Confederazione in merito al coronavirus.

Sinonimi

Coronavirus (COVID-19), Corona-Virus (COVID-19), Coronavirus, Corona-Virus, COVID-19, COVID-2019, SARS-CoV-2, 2019-nCoV, SARS-CoV, Corona

Esclusione della responsabilità

La CSS non assume alcuna re­spons­abilità per quanto concerne l'esattezza e la completezza delle indicazioni. I dati pubblicati non sostituiscono in alcun modo il consiglio competente di medico e farmacista.

Mann liegt krank auf dem Sofa
La salute in un’app

Scoprire l'app Well

Verificare i sintomi, ottenere consigli sui rimedi casalinghi, fissare appuntamenti dal medico, ordinare medicamenti e molto altro.